e-commerce FAGIOLI DI SARCONI

La Sagra del Fagiolo di Sarconi è giunta quest’anno alla XXXVIII edizione, nel borgo conosciuto come la “Capitale Europea del fagiolo”. La sagra è un evento di buona risonanza mediatica (anche nazionale) e di ampia partecipazione (nell’ultima edizione 30.000 presenze in due sere), nonché una delle sagre più longeve d’Italia. Da quest’anno certificata dal marchio “Sagra di qualità”. Infatti la consegna del riconoscimento si è tenuta ieri, su iniziativa del senatore Antonio De Poli, nella sala “Koch” di Palazzo Madama, al Senato, a Roma, con la partecipazione del presidente regionale Comitato Pro Loco Unpli Basilicata, Rocco Franciosa, del Presidente Pro Loco Sarconi Camillo Fortunato e del Sindaco Cesare Marte.

Una kermesse con una data fissa da circa dieci anni, 18 e 19 agosto, interamente dedicata a “Sua Maestà” il Fagiolo di Sarconi, prodotto d’eccellenza della gastronomia lucana e italiana, una vera star nel settore, marchio Igp (Indicazione geografica protetta) da più di venti anni, ovvero dal luglio 1996. Il punto di partenza è sicuramente la gastronomia. Seguono poi le mostre, il cabaret, gli spettacoli di strada, la musica e il folklore, tutto “ispirato” al fagiolo e al fascino semplice e genuino di un prodotto e di una comunità particolarmente effervescenti. La Sagra ha pressappoco l’età di molti dei ragazzi che oggi la organizzano. Nacque per celebrare il prodotto tipico che col tempo sarebbe diventato il vero e proprio brand di una comunità che punta a diventare la “Capitale del Gusto Lucano”.

Eventi come la Sagra del fagiolo di Sarconi mantengono i riflettori accessi su prodotti di nicchia che possono dare tanto all’economia della nostra regione, puntando sullo sviluppo di un’ economia legata all’agricoltura ed al turismo enogastronomico. Un appuntamento che può essere di richiamo per un turismo culturale che guardi alle tipicità della Basilicata e inserirsi a pieno titolo in un filone più ampio di valorizzazione dei tratti peculiari della Val D’Agri. Ma anche un volano per l’economia locale, oltre che un esempio di come una realtà dai piccoli numeri riesca a tirar su in proprio un prodotto culturale, simbolico, economico, partendo dalle sue semplici tipicità e investendo sulle sue qualità.

Peppone Calabrese e Nonna Rosetta di Casa Surace apriranno rispettivamente la prima e la seconda serata di sagra, mentre Enzo Avitabile (Official) e i Bottari di Portico, saranno i protagonisti del concerto conclusivo del 19 Agosto. Nei prossimi giorni verranno svelate dagli organizzatori altre sorprese!

Una Sagra, quindi, dedicata alle eccellenze lucane e che ancora una volta farà sponda con un’altra “capitale lucana”, Matera Capitale europea della Cultura nel 2019, rafforzando ancora di più il rapporto inscindibile tra cultura ed enogastronomia.

Commenta utilizzando facebook

commenti

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento seguici anche su Facebook